http://agenziapetra.it/assets/images/logo.png Escursioni Cosa vedere - Agenzia Petra

Escursioni Cosa vedere

Gran Sasso
GRAN SASSO - CASTELLI - SAN GABRIELE
In Provincia di Teramo, è uno dei più conosciuti e frequentati d'Europa. Una recente classifica lo colloca fra i quindici santuari più famosi del mondo. Due milioni di pellegrini vi arrivano ogni anno per pregare sulla tomba del giovane studente passionista: San Gabriele dell'Addolorata. Il primo santuario in onore del santo è del 1908 ma il convento ha origini antichissime risalenti a San Francesco d'Assisi che lo fondò nel 1215. Tuttavia la grande fama del santuario si lega a San Gabriele, un giovane d'Assisi che divenuto passionista, visse in questo convento dal 1859 al 1862 quando morì a 24 anni. La sua fù una vita semplice, senza grandi gesta, contrassegnata dal''eroicità del quotidiano, che viveva da innammorato del Crocefisso e della Madonna. La sua fama esplose nel 1892 quando furono esumate le sue spoglie mortali e sulla sua tomba accaddero i primi strepitosi prodigi. Fu proclamato Santo nel 1920. Nel 1959 papa Giovanni XXIII lo dichiarò Patrono d'Abruzzo. Nel 1970 è stato costruito un nuovo grandioso santuario che può ospitare 576 mila fedeli.
Offida
OFFIDA
E' situata sulle colline tra i fiumi Tesino e Tronto, a 23 km da Ascoli Piceno. E' un paese di aspetto antico e suggestivo. Le testimonianze dei primi insediamenti riguardano l'epoca neolitica; nei pressi dell'attuale abitato sono state rinvenute necropoli risalenti ai Piceni ed ai Romani ed un santuario dedicato a "Ophys" o Serpente Aureo da cui Offida deriva il nome. Il paese ha mantenuto la tradizione artigianale dei preziosi merletti realizzati a tombolo. Il centro storico di Offida è racchiuso all'interno delle mura castellane risalenti al secolo XII. Altro importante monumento della cittadina è rappresentato dal Palazzo Comunale, costruzione risalente ai secoli XI-XII. All'interno del Palazzo si trova il Teatro Serpente Aureo. Il principale monumento di Offida, è rappresentato dalla chiesa di Santa Maria della rocca, (vedi foto) ricostruita nel 1330 su una chiesina dell'XI secolo. Nell'itinerario turistico non possono essere dimenticate: la Chiesa della Collegiata, la Chiesa dell'Addolorata dove è custodita la Bara del Cristo Morto, la Chiesa di S. Agostino, con l'annessa Cappella del Miracolo Eucaristico e la chiesa del Beato Bernardo. Da visitare anche: il Museo Aldo Sergiacomi, l'Enoteca Regionale e il MUSEO di Offida. Per saperne di più visita il sito istituzionale della città
Ascoli Piceno
ASCOLI PICENO
Ha origini antichissime, il suo passato plurimillenario (esisteva prima di Roma ) é tutto scritto nei resti , nelle testimonianze rimaste a sfidare i secoli, tuttora visibili e visitabili . Esistono le costruzioni come le grotte dell’Annunziata ,i resti di un tempio pagano , inseriti nella Chiesa di S. Gregorio, la Porta Gemina (I sec. a.c. ) il ponte Augusteo (tuttora transitabile ed efficiente) , il teatro Romano giunti fino ai giorni nostri. Perché la caratteristica di Ascoli Piceno è quella di essere un autentico museo all’aperto, che comprende gli stili delle varie epoche,dove la presenza é suggestiva ed incredibile e copre tutto l’arco di tempo che va dal Medio Evo al Rinascimento. Il tessuto urbanistico é passato dall’organizzazione romana a quella medioevale e questo passaggio é presente nelle sue piazze, come quella del Popolo -ritenute una delle più armoniche e spettacolari d’Europa- o dell’Arengo, nelle sue vie strette e contorte chiamate Rue, nelle sue porte , come vedremo, danno anche i nomi ai Sestieri della Quintana , nelle sue monumentalità come i templi (S. Francesco,Cattedrale, Battistero, SS. Vincenzo e Anastasio, S. Vittore, S. Maria Intervineas) o Palazzi (dei Capitani, dell’Arengo, Malaspina) sempre solo per fare qualche esempio, o nelle sue Torri (non per nulla Ascoli è chiamata la città delle Cento Torri). La giostra della Quintana é una gara di abilità e destrezza nella quale si cimentano per la conquista del Palio, sei cavalieri, ciascuno rappresentante,un Sestiere cittadino, come nell’antica suddivisione urbanistica. Ricordate questi nomi dei Sestieri, che sono alla base dell’acceso agonismo che infervora gli ascolani: Piazzarola, Porta Maggiore, Porta Romana, Porta Solestà, Porta Tufilla, Sant’Emidio. Le Giostre furono un prodotto del feudalesimo e della cavalleria, e si riallacciano, per ciò che riguarda il fine di esercitarsi nell’arte militare, ai giochi guerreschi propri di quasi tutti i popoli Dal mare sono pervenute testimonianze importanti del passato, esse vengono custodite nel Museo Ittico, Museo delle Anfore, Museo Palanteologico.
Loreto
LORETO
E' uno dei luoghi di culto mariano più conosciuti al mondo per il santuario che si staglia sulla sommità del colle e che conserva la casa della Madonna. E' possibile visitare il museo della santa casa (tel.: 071/970108). Tutta la vita della cittadina è imperniata sulla presenza del Santuario tanto che Loreto sarebbe sorta proprio dopo l'arrivo della casa di Nazareth in Italia. La tradizione religiosa fa giungere la casa a Loreto in volo con una schiera angelica nella notte fra il 9 e 10 dicembre 1294. La Madonna di Loreto è infatti protettrice degli aviatori. All'edificazione del Santuario hanno contribuito molti architetti, da Giuliano da Sangallo a Francesco di Giorgio Martino, Bramante e Sansovino. Ma il visitatore attento rimarrà colpito non tanto per la struttura imponente della Basilica quanto per quel solco levigato da ginocchia devote, ben visibile lungo All'interno della Basilica è custodita la Santa Casa di Nazaret, dove, secondo la tradizione devozionale, la Vergine Maria ricevette l'Annunciazione. La "casa della Madonna" era formata da tre pareti addossate ad una grotta scavata nella roccia (che si trova nella Basilica dell'Annunciazione a Nazaret). La tradizione popolare racconta che nella notte tra il 9 ed il 10 dicembre del 1294 le pietre della casa di Nazaret vennero trasportate in volo dagli angeli. In realtà, alcuni studi e dei documenti ritrovati hanno confermato che il trasporto avvenne per mare su navi crociate. Infatti, dopo la cacciata dei cristiani dalla Terra Santa da parte dei musulmani, un esponente della famiglia Angeli, regnanti dell'Epiro, si interessò di salvare la Santa Casa dalla sicura rovina, che fu, dunque, trasportata prima a Tersatto, nell’odierna Croazia, nel 1291 e poi a Loreto il 10 dicembre 1294. Gli studi effettuati sulle pietre della Santa Casa ne confermerebbero l'origine palestinese, esse sono lavorate secondo la tecnica usata dai Nabatei, un popolo confinante con gli ebrei, molto usata anche in Palestina. Sulle pietre vi sono numerosi graffiti simili a quelli giudeo-cristiani del II-V secolo ritrovati in Terra Santa, in particolare a Nazaret. Inoltre i raffronti tecnici e architettonici dimostrano che le tre pareti si connettono perfettamente alla grotta custodita a Nazaret. Il santuario fu costruito per proteggere la Santa Casa, su iniziativa del vescovo di Recanati, Nicolò delle Aste nel 1469, e fu concluso nel 1587 Il campanile fu disegnato da Luigi Vanvitelli e fu costruito nel 1755.
Gita in barca
GITA IN BARCA
La motonave Palma è un elegante imbarcazione in legno di 18 metri dotata di tutti i confort, ormeggiata nel porto turistico di San Benedetto del Tronto a pochi passi dal centro della città. Sole e Divertimento a poche miglia dalla costa! Con M/N Palma passerete giornate e serate indimenticabili sul mare, a poche miglia dalla costa con la possibilità di prendere il sole e fare il bagno al largo in mare aperto. Gita in mare con bagno a largo e pic-nic party h 8.30 - 11.00 Euro 19,00 Gita in mare con bagno a largo e pic-nic party h 14.30 - 17.00 Euro 19,00 Gita in mare con bagno a largo e cena party h 18.30 - 21.00 Euro 22,00 Trasporto con minibus incluso nel prezzo per gli hotel di San Benedetto del Tronto. Da Martinsicuro e Grottammare 1,00 Euro. Possibilità di noleggiare l'imbarcazione per pranzi e cene di pesce, compleanni, gite notturne al chiaro di luna, per gruppi fino a 12-15 persone.
Frasassi
FRASASSI
Nella complessa orografia dell'Appennino umbro-marchigiano, stretta tra il monte di Frasassi e il M. Valmontagnana si apre la Gola di Frasassi, lunga oltre 2 Km. dalle pareti calcaree e pressoché verticali, quasi interamente nude. Nella gola, si trovano numerose grotte, le cavità maggiori presentano talvolta uno spettacolo di straordinaria bellezza, con stalattiti, stalagmiti, laghetti, cunicoli, pozzi, piccole gallerie e concrezioni ancora in formazione. Una galleria artificiale, lunga 223 metri, dà accesso al complesso carsico, formato da varie cavità e passaggi attrezzati per la visita; la maggiore e più spettacolare cavità è la Grotta Grande del Vento. Chi vuole visitare le grotte può scegliere tra un percorso turistico attrezzato bello e affascinante e, per chi ha più tempo, percorsi speleologici organizzati dal Consorzio Frasassi, proprio per permettere la visione e l'accesso ad alcune aree solitamente non aperte al pubblico. Qualunque sia l'opzione scelta, si rimarrà sicuramente soddisfatti della visita.
Colonnella
COLONNELLA
Come centro urbano, ha origini antichissime. Nel suo territorio sono stai rinvenuti reperti archeologici neolitici, reperti appartenenti alla "Truentum" citata da Plinio il Vecchio, Strabone e Cicerone. E' disposta sul cucuzzolo di una altura in posizione panoramica. E' una cittadina moderna pur conservando una immagine d'altri tempi. Nota per le sagre e le manifestazioni culturali, Colonnella è un paese che ha molto da offrire al turista, tranquillità, cultura, tradizioni culinarie, artigianato. Torre dell'Orologio: simbolo della città, di cui non si conosce con certezza la data di edificazione, conserva al suo interno i meccanismi originali dell'orologio, sostituiti nel 1970 da un sistema elettrico. Fonte Vecchia: fonte di probabile origine Romana dotata di un cunicolo sorgivo lungo circa venti metri che percorre il cuore della collina. Case di Terra: davvero particolari le case costruite in terra cruda ancora esistenti a Colonnella ed alcune di queste tutt'ora abitate, si sono corservate perfettamente. Chiesa dei Santi Cipriano e Giustina: la chiesa è un alto edificio in laterizio a navata unica con il tetto a capanna; ha un campanile sulla cui sommità di erge una cupola ottagonale sormontata da una croce.
Civitella
CIVITELLA
Comune della Val Vibrata posto ai confini con le Marche, è una cittadina aristocratica, ricca di arte e di storia. Ha sempre avuto un ruolo di fondamentale importanza nella storia dell'Italia meridionale per la presenza della imponente Fortezza Fortezza: costruita intorno all'anno Mille, ha subito nei secoli varie trasformazioni ed ha avuto il suo massimo splendore nel periodo aragonese-spagnolo. Grazie ai lavori di restauro, l'immensa fortezza che, con i suoi 25000 mq di superficie è una delle più grandi d'Europa, è tornata alla primitiva suggestione. Chiesa di San Francesco: eretta nel XIV secolo sorge adiacente all'antico convento ora adibito a palazzo Comunale. La facciata d'ingresso presenta, al centro, un bellissimo rosone in pietra finemente scolpito. Santuario di S.Maria dei Lumi: costruzione di origine romanica, contiene una statua lignea della Madonna del XV secolo attribuita a Giovanni di Blasuccio. Abbazia di Montesanto: monastero benedettino edificato, secondo tradizione, per volere di San Benedetto da Norcia, il quale nel 542, venendo dalla vicina Ascoli, trovò nella collina di Civitella il luogo adatto per un monastero.
Acquapark
ACQUAPARK ONDA BLU
L'ONDA BLU si estende su una superficie di 120.000 mq.compresa un'area verde ideale per rilassarsi all'ombra di larici lussureggianti: ogni particolare risulta essere curato in ogni piu' piccolo aspetto per garantire il massimo confort ai propri frequentatori e ospiti. La dotazione delle attrezzature del parco risulta essere tra le piu' complete e variegate sia in termini di giochi acquatici che di servizi offerti. Il parco e' dotato inoltre di ampi parcheggi gratuiti posti all'esterno della struttura. PREZZI dal lunedi' al sabato Bambini fino a 1Mt gratis da 1Mt a 1,40 Mt 10,00 oltre i 10 anni 13,00 (compreso gli adulti) dalle ore 14.30 Pomeridiano 10,00 la domenica Bambini fino a 1Mt gratis da 1Mt a 1,40 Mt 13,00 oltre i 10 anni 15,00 (compreso gli adulti);dalle ore 14.30 Pomeridiano 13,00 Aperto tutti i giorni dal 21 giugno a fine agosto del 2005 il parco e' aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle 18,30 Per i nostri clienti, sconto speciale di 3 euro a persona sul prezzo del biglietto.